1. Pagina iniziale
  2. Pistola da massaggio
Massaggiatori

Pistola da massaggio: l'arma universale contro i dolori e le tensioni muscolari

Massagepistolen_Header_21x9.jpg
22. febbraio 2022

Le pistole massaggianti sono sempre più apprezzate tanto che da tempo ormai non sono più solo appannaggio degli studi di fisioterapia, ma vengono usate anche a casa. Ma cosa sono queste pistole da massaggio, come funzionano e a cosa servono? Ecco una sintesi per punti.

Cosa sono le pistole da massaggio o pistole massaggianti?

Le pistole da massaggio, conosciute anche con il termine inglese «massage gun», a prima vista sembrano elettroutensili o, appunto, pistole. Sono apparecchi per massaggi che, attraverso vibrazioni, penetrano in modo mirato e profondo nel tessuto muscolare, stimolano la circolazione sanguigna, alleviano le tensioni e sciolgono i fasci contratti.
Massagepistole_Mood_1.jpg

Come funzionano le pistole da massaggio?

Le pistole da massaggio si basano sul principio della percussione (dal latino percussio = colpo) e trasferiscono le vibrazioni ad alta velocità al tessuto da trattare. Diversamente dal massaggio tradizionale, riescono a raggiungere lo strato muscolare profondo. È possibile regolare la velocità e l'intensità (generalmente tra 1200 e 3200 percussioni al minuto). 

Di solito le pistole massaggianti hanno quattro testine in dotazione.

  • Ball: la testina rotonda è l'accessorio standard e serve per massaggiare tutti i gruppi muscolari.
  • Hammer: la testina piatta colpisce più delicatamente della testina rotonda, perché le vibrazioni vengono trasmesse da una superficie piatta. Ideale per il trattamento dei grandi gruppi muscolari (per es. cosce o glutei).
  • Bullet: più piccola della testina rotonda, la testina a proiettile è stata concepita per trattare in modo specifico i «punti trigger» (irrigidimento della muscolatura profonda). 
  • Fork: la testina a U o a forcella serve soprattutto a trattare i muscoli della schiena e del polpaccio.

Quando si usano prevalentemente le pistole massaggianti?

Le pistole massaggianti vengono usate soprattutto nella fase di recupero dopo un allenamento fisico faticoso. Possono però essere impiegate anche prima dell'allenamento, per preparare meglio alcune parti particolarmente vulnerabili dei muscoli allo sforzo fisico imminente. 

 

A chi sono adatte le pistole massaggianti?

Tendenzialmente tutti possono trarre beneficio dalle pistole massaggianti. Sono però particolarmente adatte per chi pratica sport a livello agonistico e per gli atleti amatoriali ambiziosi a cui lo stretching abbondante prima e dopo gli allenamenti, una sana alimentazione e un riposo adeguato non bastano per recuperare nella misura desiderata. 

Se però hai appena cominciato un programma di allenamento, ci sono anche molte altre possibilità per distendere i muscoli dopo un allenamento intenso. Osserva innanzitutto come reagisce il tuo corpo allo sforzo fisico e quali parti dei muscoli vengono sollecitate di più oppure fanno più fatica a recuperare. Solo così potrai decidere con cognizione di causa se valga la pena acquistare una pistola massaggiante.
 

Massagepistole_Mood_2.jpg

Come si usa correttamente una pistola da massaggio?

Conviene attenersi esattamente alle istruzioni del produttore investendo un po' di tempo nella lettura attenta e integrale del manuale d'uso prima di adoperare la pistola per la prima volta.

Normalmente va osservato quanto segue.

  1. Le pistole da massaggio devono essere usate esclusivamente per il massaggio in profondità del tessuto muscolare. Per ossa e articolazioni non sono indicate.
  2. Per trattare i punti più difficili da raggiungere, fatti aiutare da qualcuno, onde evitare stiramenti o lussazioni mentre usi la pistola massaggiante.
  3. Per trattare le diverse parti del corpo usa sempre la testina consigliata dal produttore.
  4. Tratta le singole parti del corpo da uno a cinque minuti al massimo. Quanto più piccola è l'area da trattare, tanto più breve dev'essere il tempo di utilizzo della pistola da massaggio.
  5. Inizia ogni trattamento alla velocità più bassa (numero di percussioni al minuto) e aumentala gradatamente. 
  6. Non esagerare: 2 o 3 trattamenti alla settimana sono sufficienti. L'uso troppo frequente della pistola da massaggio può provocare infiammazioni ai muscoli risultando controproducente.
  7. Il rimedio fai da te ha molti vantaggi. Ha però lo svantaggio di non individuare le cause profonde dei dolori muscolari. Se i dolori persistono dopo 2 settimane di terapia percussiva fatta a casa conviene che tu ti rivolga a un fisioterapista.
  8. Le donne incinte, i pazienti oncologici, i portatori di pace maker o protesi articolari devono chiarire prima con il proprio medico in che misura possono usare la pistola da massaggio.